Uso medico dei cannabinoidi esogeni

Azione anti-nausea e vomito

Sulla base di esperienze aneddotiche di pazienti che riferivano che l’inala­zione di derivati della cannabis li aiutava a controllare la nausea e il vomito causati dalla chemioterapia, sono stati in seguito programmati studi clinici controllati, nei quali l’efficacia antiemetica dei cannabinoidi veniva messa a confronto con quella dei farmaci convenzionali o di un placebo. Una revi­sione sistematica della letteratura scientifica (Tramèr et al., 2001) ha evidenziato che l’efficacia antiemetica di cannabinoidi quali il delta-9-tetraidrocanna­binolo (THC), il nabilone o il levonantradol, è risultata leggermente supe­riore a quella dei farmaci convenzionali (proclorperazina, metoclopramide, clorpromazina, tietilperazina, aloperidolo, domperidone e alizapride). Negli studi cross-over, inoltre, i cannabinoidi erano preferiti agli altri farmaci. Per contro, numerosi pazienti che ricevevano cannabinoidi dovevano interrom­pere il trattamento per via del manifestarsi di effetti collaterali. Nel 1985, la Food and Drug Administration (FDA) ha autorizzato l’immissione in commercio del dronabinol (THC sintetico), seguito dal nabilone, un altro cannabinoide sintetico, messo in commercio in Gran Bretagna. Attualmente tali farmaci sono comunemente reperibili in vari Paesi tra cui Canada, Stati Uniti, Belgio, Germania, Olanda, Svizzera, Israele, Irlanda, Messico, Sud Africa.

Stimolazione dell’appetito

La stimolazione dell’appetito è una delle esperienze più comuni sperimentate dagli utilizzatori di cannabis e diversi studi clinici controllati condotti negli anni ‘90 hanno testato, in pazienti HIV positivi, l’efficacia del dronabinol nella stimolazione dell’appetito (Gorteret al., 1992). La FDA ne ha autoriz­zato l’uso quale “stimolante per l’appetito nei pazienti con perdita di peso AIDS-correlata” a partire dal 1992; il farmaco è stato successivamente regi­strato, con questa specifica indicazione, anche in alcuni Paesi europei. Tale indicazione ha perso attualmente parte della sua importanza, almeno nei Paesi industrializzati, vista la diminuzione dei casi di AIDS e della cachessia correlata, a seguito della disponibilità di terapie antiretrovirali efficaci.

Azione analgesica

Le proprietà antidolorifiche dei cannabinoidi sono state di­mostrate in vari modelli animali ed in studi clinici (Clappert et al., 2010). Una rassegna della letteratura riguardante gli effetti analgesici dei cannabinoidi (Campbell et al., 2001) ha analizzato studi clinici randomizzati controllati con pazienti affetti da dolore acuto, cro­nico o correlato alla presenza di tumori. Dai risultati è emerso che i cannabi­noidi non mostravano una efficacia superiore alla codeina nel controllo del dolore e che l’utilizzo era ulteriormente limitato da effetti depressivi che si manifestavano sul Sistema Nervoso Centrale.
Nonostante l’analgesia indotta dai cannabinoidi sia riconosciuta efficace su modelli animali, le evidenze di efficacia sull’uomo sono ancora piuttosto contrastanti. Alcuni studi clinici che coinvolgono pazienti con dolori di tipo neuropatico (come ad esempio sclerosi multipla, neuropatie, fibromialgia) hanno prodotto risultati positivi. Tuttavia, studi che misuravano l’efficacia dei cannabinoidi per il trattamento del dolore acuto (come ad esempio il dolore post operatorio), hanno generato prevalentemente risultati negativi (Haze­kamp and Grotenhermen, 2010).
Altre potenziali indicazioni possono essere la terapia del dolore tumorale (Guzman, 2003), dove oltre all’effetto antalgi­co vi può essere un effetto positivo sull’appetito, con riduzione della nausea da chemioterapia e il trattamento del dolore muscolo-scheletrico. Anche il trattamento dell’emicrania può essere un’indicazione della cannabis terapeu­tica (Russo, 1998), ma sono necessari studi clinici controllati per valutarne l’effettiva efficacia.

Spasticità e sclerosi multipla

Alcuni studi hanno evidenziato un possibile ruolo del THC in pazienti con spasticità legata a sclerosi multipla. Una recente revisione della letteratura pubblicata sulla rivista BMC Neurology (Lakhan et.al, 2009) ha analizzato i dati delle pubblicazioni relative a studi clinici randomizzati sull’uso di pre­parazioni contenenti THC e CBD per il trattamento della spasticità in pazienti affetti da sclerosi multipla. I risultati evidenziavano un beneficio terapeutico nell’alleviare i sintomi di spasticità, che tuttavia poteva essere accompagnato da effetti collaterali più o meno marcati, anche in funzione della dose di trattamento somministrata. Altre sperimentazioni cliniche randomizzate-controllate non sono state in grado di dimostrare una evidenza oggettiva misurata secondo metodologie standard, né degli effettivi benefici dei cannabinoidi della Cannabis sativa sulla spasticità nei pazienti affetti da sclerosi multipla. Tutta­via, la valutazione soggettiva dei pazienti evidenziava un miglioramento della spasticità, della qualità del sonno e del dolore (Thaera GM et al., 2009).
Alcune evidenze, inoltre, indicano che i cannabinoidi sarebbero in grado di produrre degli effetti neuroprotettivi e antiinfiammatori, rallentando i processi degenerativi della sclerosi e di altre malattie degenerative (Pryce et al., 2003). La ricerca di Smith PF (2010) evidenzia che gli studi clinici disponibili, nonostante evidenzino effetti collaterali lievi associati all’uso di prepa­rati cannabinoidi, sono generalmente di durata breve (pochi mesi) ed è possibile che un uso a lungo termine di queste sostanze possa determinare la comparsa di altri effetti collaterali. Motivi che possono essere di preoc­cupazione soprattutto per l’uso dei cannabinoidi terapeutici negli adolescen­ti, nei soggetti predisposti a psicosi e nelle donne in gravidanza.
E’ notizia recente quella dell’approvazione, nel Regno Unito, del Sativex®, preparazione farmaceutica ottenuta da un estratto di cannabis, contenente THC e cannabidiolo (CBD) in rapporto 1:1, per il trattamento della spasticità in pazienti affetti da sclerosi multipla. Ulteriori studi sono in corso in diversi altri Paesi per la valutazione di questo farmaco. Negli Stati Uniti, l’FDA non ha approvato il Sativex®, ma solo il suo uso in alcuni studi clinici.

Neuroprotezione

Evidenze scientifiche indicano che i cannabinoidi potrebbero essere utili nel trattamento del morbo di Parkinson, attraverso l’inibizione nell’azione eccita­toria del neurotrasmettitore glutammato, contrastando i danni ossidativi che si manifestano a livello dei neuroni. L’effetto inibitorio dei cannabinoidi su spe­cie reattive dell’ossigeno (azione antiossidante), sulla tossicità del glutammato e su fattori di necrosi tumorale, così come l’attività antiinfiammatoria, suggeriscono una loro potenziale azione neuroprotettiva (Croxford JL, 2003; Price DA et al., 2009) e un potenziale nel trattamento di rilevanti patologie neurodegenerative quali il morbo di Alzheimer, la sclerosi multipla, il morbo di Huntington e la sclerosi laterale amiotrofica (Romero J et al., 2009).
Uno studio pilota randomizzato, su 44 pazienti affetti da morbo di Huntington, ha evidenziato che il trattamento con nabilone era sicuro e ben tollerato, senza la manife­stazione di episodi psicotici, suggerendo la possibilità di svolgere studi con il nabilone più ampi e lunghi per questa malattia (Curtis et al., 2009).
Tra i cannabinoidi, studi recenti riportano l’esplorazione delle potenzialità terapeuti­che del cannabidiolo (CBD) nella prevenzione e trattamento delle principali patologie neurodegenerative. Sembra infatti che il CBD sia in grado di proteg­gere le cellule neuronali e non neuronali da una serie di agenti che inducono tossicità, come i β-amilodi, la 6-idrossidopamina o il glutammato e che sono considerati essere alla base di malattie come il Parkinson e l’Alzheimer (Iuvone T et al., 2009).

Glaucoma

Il glaucoma è una patologia che dipende dalla pressione intraoculare per la quale non esistono cure farmacologiche efficaci, e che porta alla cecità. A partire dagli anni ‘70, è stata riportata la capacità del THC di diminuire la pressione intraoculare, rappresentando un potenziale terapeutico per il trattamento del glaucoma. Da queste prime osservazioni sono stati condotti numerosi studi per confermare l’efficacia di cannabinoidi quali THC, CBD, cannabigerolo e cannabinoidi sintetici nel ridurre la pressione intra­oculare quando somministrati per via sistemica o topica. Il THC potrebbe inoltre aumentare la circolazione sanguigna nella retina come dimostrato in uno studio aperto (Plange et al., 2007). Negli ultimi anni, nonostante un ini­ziale interesse sull’argomento, è stato pubblicato solamente un nuovo studio clinico (Tomida et al., 2006) il quale evidenzia una modesta riduzione della pressione intraoculare dopo somministrazione di THC sublinguale. Tuttavia, l’effetto è sintomatico e di breve durata, come riportato anche in altri studi. Esiste inoltre l’esigenza di verificare l’entità del rischio dei cannabinoidi di produrre dipendenza quando usati per il trattamento del glaucoma.

Malattie psichiatriche

Dati recenti ipotizzano che molecole in grado di stimolare il sistema endocan­nabinoide potrebbero avere un potenziale interesse nel trattamento di distur­bi psichiatrici come l’ansia, la depressione e le dipendenze. Alcune molecole di sintesi in grado di interferire con i livelli degli endocannabinoidi possono avere un potenziale per il trattamento della dipendenza dalla cannabis stessa (Clapper et al., 2009) o nel trattamento di ansia e depressione (Piomelli et al. 2006) ma ad oggi sono disponibili solo pochi studi in merito.
Uno studio clinico attualmente in corso (ClinicalTrials.gov 2010) sta valutando se una combinazione standardizzata di estratti della pianta di cannabis contenenti un rapporto di THC:CBD 1:1 sia in gra­do di alleviare alcuni dei sintomi del disturbo bipolare in pazienti che non rispondono ai trattamenti convenzionali. Altri studi stanno valutando il potenziale terapeuti­co della cannabis per verificare l’azione antipsicotica nel trattamento di pazienti affetti da schizofrenia (Leweke et al., 2007).

Bibliografia

  • Campbell FA et al. Are cannabinoids an effective and safe treatment option in the manage­ment of pain? A qualitative systematic review. BMJ 2001; 323 (7 July): 1-6.
  • Clapper JR, Magieri RA, Piomelli D. The endocannabiond system as a target for the treat­ment of cannabis dependence. Neuropharmacology 2009; 56 (Suppl 1): 235-243.
  • Clapper JR, Moreno-Sanz G, Russo R, Guijarro A, Vacondio F, Duranti A, Tontini A, Sanchi­ni S, Sciolino NR, Spradley JM, Andrea G Hohmann AG, Calignano AC, Mor M, Tarzia G, Piomelli D. Anandamide suppresses pain initiation through a peripheral endocannabinoid mechanism. Nature Neuroscience 13, 1265 - 1270 (2010).
  • ClinicalTrials.gov identifier: NCT00397605. University of British Columbia. Cannabinoids in Bipolar Affective Disorder. 2010 http://clinicaltrials.gov/ct2/show/study/NCT00397605? term=cannabis,+depression&rank=13
  • P. Dronabinol effects on weight in patients with HIV infection. AIDS 6:127, 1992.
  • Guzmán Manuel. Cannabinoids: potential anticancer agents. Nature review. Cancer Volu­me 3. 745-755. October 2003.
  • Hazekamp A, Grotenhermen F. Review on clinical studies with cannabis and cannabinoids 2005-2009. Cannabinoids 2010; 5 (special issue):1-21. http://clinicaltrials.gov/ct2/show/ study/NCT00397605?term=cannabis,+depression&rank=13
  • Iuvone T, Esposito G, De Filippis D, Scuderi C, Steardo L. Cannabidiol: A Promising Drug for Neurodegenerative Disorders? CNS Neuroscience & Therapeutics. Volume 15, Issue 1, pages 65–75, 2009.
  • Lakhan SE and Rowland M. Whole plant cannabis extracts in the treatment of spasticity in multiple sclerosis: a systematic review. BMC Neurology 2009, 9:59 doi:10.1186/1471- 2377-9-59.
  • Leweke FM, Koethe D, Gerth CW, Nolden BM, Schreiber D, Hänsel A, Neatby MA, Jueli­cher A, Hellmich M,
  • Klosterkötter J. Cannabidiol as an antipsychotic. A double-blind, controlled clinical trial on cannabidiol vs. amisulpride in acute schizophrenia. Abstract for oral sessions / European Psychiatry 2007;22:S14.02.
  • Morgan CJA, Curran HV. Effects of cannabidiol on schizophrenia-like symptoms in people who use cannabis. The British Journal of Psychiatry (2008) 192, 306–307.
  • Muntoni AL, Melis M, Diana M, Electrophysiological effects of cannabinoids in the basal ganglia, 2002.
  • Nahas GG. Hashish In Islam 9th To 18th Century. Bull. N.Y. Acad. Med. Vol. 58, No. 9, December 1982.
  • O’Shaughnessy WB. On the preparations of the indian hemp, or gunjah (cannabis indica); their effects on the animal system in health, and their utility in the treatment of tetanus and other convulsive diseases. 1839. Trans. of the Med. and Phys. Society of Bengal (1838- 40):421-61.
  • Piomelli D, Tarzia G, Duranti A, et al. Pharmachological profile of the selective FAAH inhi­bitor KDS-4103 (URB597). CNS Drug Rev 2006; 12(1) 21-38.
  • Plange N, Arend KO, Kaup M, Doehmen B, Adams H, Hendricks S, Cordes A, Huth J, Spon­sel WE, Remky A. Dronabinol and retinal hemodynamics in humans. Am. J. Ophthalmol. 2007;143(1):173-174.
  • Price DA, Martinez AA, Seillier A, Koek W, Acosta Y, Fernandez E, Strong R, Lutz B, Mar­sicano G, Roberts JL, Giuffrida A. WIN55,212-2, a cannabinoid receptor agonist, protects against nigrostriatal cell loss in the 1-methyl-4-phenyl-1,2,3,6-tetrahydropyridine mouse model of Parkinson’s disease. Eur J Neurosci. 2009 Jun;29(11):2177-86.
  • Pryce G, Ahmed Z, Hankey DJR, Jackson SJ, Croxford JL, Pocock JM, Ledent C, Petzold A, Thompson AJ, Giovannoni G, Cuzner ML, Baker D. Cannabinoids inhibit neurodegenera­tion in models of multiple sclerosis. Brain (2003), 126, 2191-2202.
  • Pryce G, Baker D. Emerging properties of cannabinoid medicines in management of mul­tiple sclerosis. Trends Neurosci 2005; 28(5): 272-276.
  • Romero J, Orgado JM. Cannabinoids and neurodegenerative diseases. CNS Neurol Disord
  • Drug Targets. 2009 Dec;8(6):440-50.
  • Russo E. Cannabis for migraine treatment: the once and future prescription? An historical and scientific review. Pain. 1998 May;76(1-2):3-8.
  • Smith PF. New approaches in the management of spasticity in multiple sclerosis patients: role of cannabinoids. Therapeutics and Clinical Risk Management 2010:6 59–63.
  • Thaera GM, Wellik KE, Carter JL, Demaerschalk BM, Wingerchuk DM. Do cannabinoids reduce multiple sclerosis-related spasticity? Neurologist. 2009 Nov;15(6):369-71.
  • Tomida I, Azuara-Blanco A, House H, Flint M, Pertwee RG, Robson PJ. Effect of Sublingual Application of Cannabinoids on Intraocular Pressure: A Pilot Study. (2006) Journal of Glau­coma 15(5):349-353.
  • Tramèr MR et al. Cannabinoids for control of chemotherapy induced nausea and vomiting: quantitative systematic review. BMJ, 323 (2001):16-24.