Uso medico dei cannabinoidi esogeni

Premesse

medico

Negli ultimi anni, la ricerca scientifica ha fornito una serie di informazioni sui possibili usi medici di alcuni componenti della cannabis per coadiuvare il trattamento di alcune patologie o ridurre fastidiosi sintomi correlati a varie malattie (do­lore, nausea, ecc.). Di seguito un approfondimento delle informazioni sull’effetto terapeutico della cannabis nel suo complesso (e non solo di alcuni dei suoi componenti) e dei suoi derivati al fine di chiarire gli aspetti sull’uso per scopi medici.
Il principio attivo responsabile degli effetti psicotropici associati all’assunzio­ne di cannabis è il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) ma studi sulla compo­sizione di questa pianta hanno permesso di estrarre ed identificare più di 60 fitocannabinoidi in essa presenti, oltre a numerose altre sostanze chimiche, anch’esse associate a specifiche attività biologiche (Muntoni et al., 2002). L’assunzione della pianta di cannabis o di suoi derivati ed estratti, dunque, si­gnifica assumere tutti questi fitocannabinoidi e altre sostanze chimiche, con­temporaneamente. Gli effetti ad essi associati possono essere molteplici e più o meno tossici per l’organismo.
L’uso terapeutico della cannabis ha visto un notevole sviluppo dopo l’introdu­zione di preparazioni controllate contenenti un singolo componente chimico o di estratti purificati la cui composizione chimica è nota ed accuratamente definita. A fronte della grande quantità di letteratura e degli innumerevoli siti dedicati ai molteplici usi della cannabis a scopo terapeutico, i potenziali consumatori andrebbero quindi sensibilizzati sul fatto che la sostanza reperi­bile attraverso il mercato illegale è ben altra cosa rispetto a quella impiegata per uso medico. La sua pericolosità riguarda sia la qualità della sostanza che la quantità di principio attivo in essa contenuto, che può essere presente in concentrazioni variabili.
Oltre al THC, l’altra principale molecola attiva presente nella cannabis è il cannabidiolo (CBD) che non induce effetti psicotici e sembra avere delle proprietà protettive, antipsicoti­che, come a controbilanciare alcuni degli effetti del THC (Morgan CJA, Cur­ran HV, 2008). Le varietà di cannabis disponibili sul mercato illecito negli ultimi anni hanno visto aumentare notevolmente le percentuali di THC a discapito di quelle del CBD. Si assiste ad un aumento della potenza dal punto di vista degli effetti psicotropici esilaranti dei prodotti, fino ad arrivare ad una varietà di can­nabis disponibile nel mercato illecito, denominata “skunk”, che ha portato le percentuali di THC dal 3-4% al 12-18%, a fronte di percentuali di CBD dell’1,5% circa. La conseguenza è un aumento del rischio di sviluppare psi­cosi, come osservato in alcuni utilizzatori di questa specie di cannabis defini­ta “molto potente” (Di Forti et al., 2009).

Sistema endocannabinoide e terapie

Il sistema endocannabinoide è coinvolto in diverse funzioni del nostro orga­nismo, quali appetito, spasticità muscolare, attività analgesica, memoria, proprietà anticonvulsivanti, azione vasodi­latatoria e ipotensiva, regolazione dei processi riproduttivi, regolazione della risposta immunitaria, ecc.
Studi clinici hanno mostrato l’utilità terapeutica di alcuni cannabinoidi ma at­tualmente le uniche indicazioni per le quali dei cannabinoidi sono approvati come farmaci in alcuni Paesi sono il trattamento della nausea e del vomito indotti dalla chemioterapia, la stimolazione dell’appetito in pazienti con ano­ressia correlata all’AIDS e la spasticità da sclerosi multipla. L’uso terapeutico della cannabis, dei suoi estratti o di analoghi cannabinoidi esogeni è infatti limitato dagli effetti psicotropici ad essi correlati e al loro potenziale di sviluppare abuso negli assuntori (Pryce et al. 2005).
I derivati della cannabis hanno numerose potenzialità terapeutiche, come illustrato in Tabella 1, dove vengono citate indicazioni accettate, indicazioni in fase di studio e alcune ipotesi di meccanismo che rappresentano un potenziale terapeutico attualmente privo però di solide eviden­ze scientifiche.

Indicazioni accettate Nausea e vomito in chemioterapia
Stimolazione dell’appetito nei pazienti con anoressia AIDS-correlata
Spasticità dovuta a sclerosi multipla
Indicazioni in corso di studio Terapia del dolore
Sclerosi multipla
Glaucoma
Malattie psichiatriche
Traumi cerebrali/Ictus
Sindrome di Tourette
Glioblastomi
Artrite reumatoide
Malattie infiammatorie croniche intestinali (morbo di Crohn, colite ulcerosa)
Epilessia
Disturbi del sonno
Disturbi della vescica
Asma bronchiale
Altre potenziali indicazioni Sindromi da astinenza nelle dipendenze da sostanze da cannbinoidi
Allergie
Patologie tumorali
Malattie autoimmuni (lupus eritematoso)
Malattie neurodegenerative (morbo di Alzheimer, corea di Huntington, morbo di Parkinson
Patologie cardiovascolari (aterosclerosi, ipertensione arteriosa)
Sindromi ansioso-depressive
Spasticità nelle lesioni midollari (tetraplegia, paraplegia)
Prurito

Potenziali campi di utilizzo terapeutico della cannabis.


Bibliografia

  • Campbell FA et al. Are cannabinoids an effective and safe treatment option in the manage­ment of pain? A qualitative systematic review. BMJ 2001; 323 (7 July): 1-6.
  • Clapper JR, Magieri RA, Piomelli D. The endocannabiond system as a target for the treat­ment of cannabis dependence. Neuropharmacology 2009; 56 (Suppl 1): 235-243.
  • Clapper JR, Moreno-Sanz G, Russo R, Guijarro A, Vacondio F, Duranti A, Tontini A, Sanchi­ni S, Sciolino NR, Spradley JM, Andrea G Hohmann AG, Calignano AC, Mor M, Tarzia G, Piomelli D. Anandamide suppresses pain initiation through a peripheral endocannabinoid mechanism. Nature Neuroscience 13, 1265 - 1270 (2010).
  • ClinicalTrials.gov identifier: NCT00397605. University of British Columbia. Cannabinoids in Bipolar Affective Disorder. 2010 http://clinicaltrials.gov/ct2/show/study/NCT00397605? term=cannabis,+depression&rank=13
  • P. Dronabinol effects on weight in patients with HIV infection. AIDS 6:127, 1992.
  • Guzmán Manuel. Cannabinoids: potential anticancer agents. Nature review. Cancer Volu­me 3. 745-755. October 2003.
  • Hazekamp A, Grotenhermen F. Review on clinical studies with cannabis and cannabinoids 2005-2009. Cannabinoids 2010; 5 (special issue):1-21. http://clinicaltrials.gov/ct2/show/ study/NCT00397605?term=cannabis,+depression&rank=13
  • Iuvone T, Esposito G, De Filippis D, Scuderi C, Steardo L. Cannabidiol: A Promising Drug for Neurodegenerative Disorders? CNS Neuroscience & Therapeutics. Volume 15, Issue 1, pages 65–75, 2009.
  • Lakhan SE and Rowland M. Whole plant cannabis extracts in the treatment of spasticity in multiple sclerosis: a systematic review. BMC Neurology 2009, 9:59 doi:10.1186/1471- 2377-9-59.
  • Leweke FM, Koethe D, Gerth CW, Nolden BM, Schreiber D, Hänsel A, Neatby MA, Jueli­cher A, Hellmich M,
  • Klosterkötter J. Cannabidiol as an antipsychotic. A double-blind, controlled clinical trial on cannabidiol vs. amisulpride in acute schizophrenia. Abstract for oral sessions / European Psychiatry 2007;22:S14.02.
  • Morgan CJA, Curran HV. Effects of cannabidiol on schizophrenia-like symptoms in people who use cannabis. The British Journal of Psychiatry (2008) 192, 306–307.
  • Muntoni AL, Melis M, Diana M, Electrophysiological effects of cannabinoids in the basal ganglia, 2002.
  • Nahas GG. Hashish In Islam 9th To 18th Century. Bull. N.Y. Acad. Med. Vol. 58, No. 9, December 1982.
  • O’Shaughnessy WB. On the preparations of the indian hemp, or gunjah (cannabis indica); their effects on the animal system in health, and their utility in the treatment of tetanus and other convulsive diseases. 1839. Trans. of the Med. and Phys. Society of Bengal (1838- 40):421-61.
  • Piomelli D, Tarzia G, Duranti A, et al. Pharmachological profile of the selective FAAH inhi­bitor KDS-4103 (URB597). CNS Drug Rev 2006; 12(1) 21-38.
  • Plange N, Arend KO, Kaup M, Doehmen B, Adams H, Hendricks S, Cordes A, Huth J, Spon­sel WE, Remky A. Dronabinol and retinal hemodynamics in humans. Am. J. Ophthalmol. 2007;143(1):173-174.
  • Price DA, Martinez AA, Seillier A, Koek W, Acosta Y, Fernandez E, Strong R, Lutz B, Mar­sicano G, Roberts JL, Giuffrida A. WIN55,212-2, a cannabinoid receptor agonist, protects against nigrostriatal cell loss in the 1-methyl-4-phenyl-1,2,3,6-tetrahydropyridine mouse model of Parkinson’s disease. Eur J Neurosci. 2009 Jun;29(11):2177-86.
  • Pryce G, Ahmed Z, Hankey DJR, Jackson SJ, Croxford JL, Pocock JM, Ledent C, Petzold A, Thompson AJ, Giovannoni G, Cuzner ML, Baker D. Cannabinoids inhibit neurodegenera­tion in models of multiple sclerosis. Brain (2003), 126, 2191-2202.
  • Pryce G, Baker D. Emerging properties of cannabinoid medicines in management of mul­tiple sclerosis. Trends Neurosci 2005; 28(5): 272-276.
  • Romero J, Orgado JM. Cannabinoids and neurodegenerative diseases. CNS Neurol Disord
  • Drug Targets. 2009 Dec;8(6):440-50.
  • Russo E. Cannabis for migraine treatment: the once and future prescription? An historical and scientific review. Pain. 1998 May;76(1-2):3-8.
  • Smith PF. New approaches in the management of spasticity in multiple sclerosis patients: role of cannabinoids. Therapeutics and Clinical Risk Management 2010:6 59–63.
  • Thaera GM, Wellik KE, Carter JL, Demaerschalk BM, Wingerchuk DM. Do cannabinoids reduce multiple sclerosis-related spasticity? Neurologist. 2009 Nov;15(6):369-71.
  • Tomida I, Azuara-Blanco A, House H, Flint M, Pertwee RG, Robson PJ. Effect of Sublingual Application of Cannabinoids on Intraocular Pressure: A Pilot Study. (2006) Journal of Glau­coma 15(5):349-353.
  • Tramèr MR et al. Cannabinoids for control of chemotherapy induced nausea and vomiting: quantitative systematic review. BMJ, 323 (2001):16-24.