Cannabis come droga gateway

bivio tra dipendeza e salute

Per comprendere se la cannabis assunta in giovane età (prima dei 18 anni) possa giocare un ruolo importante nel fare da ponte verso la sperimentazione e quindi l’uso fino alla dipendenza da sostanze stupefacenti quali l’eroina e la cocaina, molti si sono posti la domanda: su 100 soggetti che iniziano ad usare cannabis, quanti sviluppano dipendenza da altre droghe? E' noto infatti che non tutti quelli che usano cannabis andranno verso un’escalation del consumo e quindi verso la sperimentazione di altre sostanze fino a sviluppare dipendenza, ma è altrettanto noto che la quasi totalità delle persone dipendenti da eroina ha iniziato la propria storia tossicomanica con l’uso di cannabis.

La diversa evolutività verso forme che si auto-estinguono o verso la ricerca di altre sostanze a più alta efficacia psicoattiva dipende da vari fattori presenti nell’individuo che condizionano la diversa vulnerabilità alla dipendenza. Sempre di più si conferma che fattori individuali sia di tipo neurobiologico che cognitivo comportamentale (spesso correlati) possono creare una con­dizione di vulnerabilità e predisporre l’individuo ad un rischio aumentato di sviluppo di dipendenza nel momento in cui questo entra in contatto ed utilizza le sostanze, fissando tale abitudine nei propri comportamenti. Oltre a ciò, anche il tipo e l’offerta di sostanze presenti nell’ambiente in cui vive possono influenzare il grado di vulnerabilità che interessa l’individuo.

Un concetto fondamentale da tenere in considerazione per analizzare la potenzialità evolutiva dell’uso di cannabis è quello che gli individui presentano diverse caratteristiche neuro-psico-biologiche cui corrispondono diverse attrattività iniziali e reazioni neu­ropsicologiche (sensibilizzazione) nei confronti delle sostanze stupefacenti. E’ necessario, pertanto, considerare che esistono diversificati gruppi di po­polazione che hanno diversa attitudine al rischio ed alla sperimentazione e che, una volta entrati in contatto con le sostanze, stimolati e resi sensibi­li ai loro effetti, possono evolvere in maniera completamente diversa. Inol­tre, l’ambiente sociale e quello familiare giocano un ruolo importantissimo sull’evoluzione del comportamento dall’uso occasionale verso la ricerca di altre sostanze alla dipendenza. Essi possono condizionare sia la probabilità di uso “sperimentale” (e quindi la sensibilizzazione neuronale che ne deri­va), sia la successiva evoluzione verso forme di ricerca e sperimentazione, la selezione di altre sostanze (anche usate contemporaneamente) e lo sviluppo di dipendenza.

La cannabis è una droga ponte?

Definendo la cannabis come “droga gateway”, o “droga ponte”, si intende che l’uso della cannabis può portare all’uso di dro­ghe come eroina e cocaina nonché a comportamenti criminali. Le sostanze per le quali si parla di effetto gateway sono il tabacco, l’alcol e la cannabis.

Droga gateway; spinello che muta in siringa

L’esigenza di approfondire questo aspetto è nata principalmente in quanto nella pratica clinica emerge spesso che i pazienti riferiscono come la loro so­stanza di iniziazione sia stata la cannabis. Su un campione di 1.231 soggetti (80% maschi, 20% femmine) visti presso i Servizi per le Tossicodipendenze dell’Azienda ULSS 20 di Verona, in carico per una dipendenza da eroina e cocaina, il 63% dei soggetti dichiara come sostanza d’iniziazione la cannabis.

Pur avendo presente che non tutti quelli che usano cannabis passano ad altre sostanze, c’è necessità di approfondire questo aspetto al fine di creare modelli preventivi i più accurati possibili. L’ipotesi gateway è stata proposta in un articolo pubblicato da Science nel 1975 da parte di Denise Kandel della Columbia University (USA). Anche se circa 30 anni di ricerche in questo senso sono state fatte, rimangono ancora non chiare le seguenti questioni: 1) l’uso della cannabis causa l’uso di eroina o cocaina; 2) quali sono i meccanismi che spiegano tale progressione?

Sono state formulate più ipotesi per dare una spiegazione a queste domande:

  1. chi usa cannabis ha più opportunità di usare altre droghe perché il mercato delle droghe è vario  e il consumo di una sostanza può indurre a volerne provare anche altre in un secondo tempo;
  2. chi usa cannabis ad un’età molto precoce ha più probabilità di assumere altre sostanze a causa di una sorta di “processo di apprendimento”: la cannabis agirebbe come gateway in quanto fornisce agli individui esperienze di apprendimento e di rinforzo che portano alla generalizzazione verso altre sostanze (Fergusson, 1997, 2002, 2006);
  3. gli effetti farmacologici della cannabis aumentano la probabilità di usare altre sostanze (fattore biochimico). Autori di questa ipotesi sono Schenk (2002) e Ellgren (2007), i quali, mediante studi sull’attività neurobiologica sugli animali, hanno dimostrato come l’esposizione a droghe come la cannabis renda gli animali più sensibili agli effetti di altre droghe come la cocaina (ipotesi di maggiore sensibilità). Come è prevedibile, questi studi sono fortemente criticati da coloro che sostengono l’impossibilità di estrapolare i risultati dagli studi sugli animali a quelli sugli umani.
 

Bibliografia

 
  • Baumesteir SE, Tossmann P, Association between Early Onset of Cigarette, Alcohol and Cannabis Use and Later Drug Use Patterns: An Analysis of a Survey in European Metropo­lises, Eur Addict Res 11:92-98, 2005.
  • Cho T, Roh S, Robinson M, Assessing the “gateway hypothesis” among middle ad high school students in Tennessee, Journal of Drug Issues Spring 2008, Vol. 38 Issue 2, p467- 492, 2008.
  • Degenhardt L, Chiu W T, Conway K., Dierker L, Glantz M., Kalaydjian A., Merikangas K., Sampson N., Swendsen J., Kessler RC, Does the ‘gateway’ matter? Associations between the order of drug use initiation and the development of drug dependence in the National Comorbidity Study, Replication Psychological Medicine 39, 157-167, 2009.
  • Degenhardt L, Coffey C, Carlin JB, Moran P, Patton GC, Who are the new amphetamine users? A 10-year prospective study of young Australians, Addiction, 102, 1269–1279 2007.
  • Ellgren M, Spano SM, Hurd YL, Adolescent Cannabis Exposure Alters Opiate Intake and Opioid Limbic Neuronal Populations in Adult Rats, Neuropsychopharmacology 32, 607– 615, 2007.
  • Fergusson DM, Horwood, LJ, Early onset cannabis use and psychosocial adjustment in young adults, Addiction, 92, 279–296, 1997.
  • Fergusson DM, Horword LJ, Swain-Campbell N, Cannabis use and psychosocial adjustment in adolescence and young adulthood, Addiction 97:1123 – 1135 2002.
  • Fergusson D, Boden J, Horwood LJ, Cannabis use and other illicit drug use: testing the cannabis gateway hypothesis, Addiction 101, 556–569, 2006.
  • Golub A, Johnson BD, Variation in Youthful Risks of Progression From Alcohol and Tobacco to Marijuana and to Hard Drugs Across Generations, American Journal of Public Health February Vol. 91 No. 2, 225-235, 2001.
  • Golub A, Johnson BD, Substance use progression and hard drug use in inner-city New York. In: Kandel DB, ed. Stages and Pathways of Drug Involvement: Examining the Gateway Hypothesis, pp. 90–112. New York: Cambridge University Press 2002.
  • Kandel D, Davies M, Karus D, Yamaguchi K, The consequences in young adulthood of ado­lescent drug involvement, Archives of General Psychiatry 43, 746–754, 1986.
  • Kandel D, Faust R, Sequence and stages in patterns of adolescent drug use, Archives of General Psychiatry 32, 923–932,1975.
  • Kandel DB, Yamaguchi K., Stages of drug involvement in the US population. In: Kandel DB, ed. Stages and Pathways of Drug Involvement: Examining the Gateway Hypothesis, pp. 65–89. New York: Cambridge University Press 2002.
  • Kandel D, Yamaguchi K, Testing the gateway hypothesis, Addiction 101, 470–472. 2006.
  • Kandel DB, Marijuana users in young adulthood, Archives of General Psychiatry 41, 200– 209, 1984.
  • Kandel DB, Yamaguchi K, Chen K, Stages of progression in drug involvement from adole­scence to adulthood: further evidence for the gateway theory, Journal of Studies on Alcohol 53, 447–457,1992.
  • Kandel DB, Stages in Adolescent Involvement in Drug Use, Science 190, pp. 912-14, 1975.
  • Lessem J, Hopfer C, Haberstick B, Timberlake D, Ehringer M., Smolen A., Hewitt J, Rela­tionship between adolescent marijuana use and young adult illicit drug use, Behavioral Genetics, 36, 4, 2006.
  • Lynskey, MT, Heath AC, Bucholz KK et al., Escalation of drug use in early-onset cannabis users versus co-twin controls, JAMA 289:427–433, 2003.
  • Lynskey MT, Vink JM, Boomsma DI, Early Onset Cannabis Use and Progression to other Drug Use in a Sample of Dutch Twins, Behavior Genetics, Vol. 36, No. 2, March 2006.
  • Melberg HO, Jones ·AM, Bretteville-Jensen AL, Is cannabis a gateway to hard drugs? Empi­rical Economics Springer-Verlag 2009
  • Morral AR, McCaffrey DF, Paddock SM, Reassessing the marijuana gateway effect, Addic­tion 97:1493–1504, 2002.
  • Pudney, S, The Road to Ruin? Sequences of Initiation to Drug Use and Crime in Britain, Economic Journal, 2003, 113, pp. 182-98.
  • Rebellón C, Van Gundy K., Can social psychological delinquency theory explain the link between marijuana and other illicit drug use?: A longitudinal analysis of the gateway hypo­thesis, Journal of Drug Issues 36{3), 515-539,2006.
  • Schenk S. Sensitization as a process underlying the progression of drug use via gateway drugs. In: Kandel DB, ed. Stages and Pathways of Drug Involvement: Examining the Gate­way Hypothesis, pp. 318–336. New York: Cambridge University Press 2002.